giovedì 26 luglio 2012

I nonni di Gesù

Oggi, 26 luglio, la Chieda celebra i Santi Anna e Gioacchino, genitori della Vergine Maria. E, quindi, i nonni di Gesù.

Per questo rivolgo un pensiero di speciale affetto a tutti i nonni, così preziosi per i bambini e per le loro famiglie (soprattutto ai giorni nostri).  Primi fra tutti ai miei genitori, nonni meravigliosi dei miei figli.

Che Dio li benedica sempre, riempia di consolazioni i loro anni, renda lieve il peso dell'età che avanza, e li attenda a lungo (con comodo ché non c'è nessuna fretta!) ricchi di giorni e di opere buone.


«...Gioacchino è un pastore e abita a Gerusalemme, anziano sacerdote è sposato con Anna. I due non avevano figli ed erano una coppia avanti con gli anni. Un giorno mentre Gioac...chino è al lavoro nei campi, gli appare un angelo, per annunciargli la nascita di un figlio ed anche Anna ha la stessa visione. Chiamano la loro bambina Maria, che vuol dire "amata da Dio". Gioacchino porta di nuovo al tempio i suoi doni: insieme con la bimba dieci agnelli, dodici vitelli e cento capretti senza macchia. Più tardi Maria è condotta al tempio per essere educata secondo la legge di Mosè.

Sant'Anna è invocata come protettrice delle donne incinte, che a lei si rivolgono per ottenere da Dio tre grandi favori: un parto felice, un figlio sano e latte sufficiente per poterlo allevare. È patrona di molti mestieri legati alle sue funzioni di madre, tra cui i lavandai e le ricamatrici...»

[Dalla pagine Facebook di Radio Maria]


martedì 24 luglio 2012

Un chilometro di pizza

E' notizia di questi giorni: sul lungomare di Marina di Massa è stata preparata la pizza più lunga del mondo, con 1.200 metri di pasta, pomodoro, mozzarella e altri ingredienti. Sono serviti, tra l'altro, oltre 2 tonnellate di farina e 30 chili di basilico.  La chilometrica delizia ha così conquistato il guinness dei primati.

La sfida è servita per raccogliere fondi per i terremotati dell'Emilia. L'ho sempre saputo, io, che la pizza fa bene!!!

venerdì 13 luglio 2012

Un Angelo Custode in Inghilterra

Vi ricordate quando, nei primi anni di questo blog, chiamavo il mio figlio maggiore "Peperoncino" e raccontavo piccoli scampoli della sua vita di monello?

Ebbene:  quel bimbo oggi ha quasi sedici anni, è alto 1 metro e 75, e in questi giorni si trova a York per due settimane di vacanza-studio con alcuni compagni di scuola.

Il ragazzo sta crescendo, e giorno dopo giorno si sta preparando a volare via dal nido, affrontando con sguardo pieno di desiderio (e il cuore che batte un po' per l'ansia) una lunga serie di "prime volte".

Il mio cuore di pizza, che è prima di tutto un cuore di mamma, trepida forte forte (ma senza darlo a vedere)...

Angelo di Dio, che sei il suo custode, come te la passi in Inghilterra?  Riesci a proteggere bene il mio tesoro?  Funzioni senza problemi anche fuori sede?  Tieni la tua mano sul suo capo, stendi la tua ala sui suoi sonni, dissemina pensieri di Dio nelle sue giornate.  E fà che torni sano, sereno e felice.  Amen